Skip to main content

Scalzi come i primitivi

Paese che vai usanza che trovi!

E’ proprio vero questo detto e in Svezia come anche in genere negli altri paesi nordici apprezzo moltissimo il fatto di camminare scalzi in casa.

In pratica appena si entra in casa di qualcuno (e diventata subito di regola anche a casa mia) ci si toglie le scarpe laciandole all’ingresso e via a trotterellare per tutta casa in piena libertà.

Le ragioni di questa usanza non sono poi difficili da immaginare, per primo ci sono motivazione igieniche e di pulizia.

In inverno ma anche durante il resto dell’anno c’è sempre neve o bagnato per terra e portarsi lo sporco in casa significa spesso dover pulire i pavimenti (o trovarsi le porte che grattano per terra causa sassolini).

Comunque anche se fuori non c’è acqua ci si porta sempre terra e polvere. Infatti da mia constatazione ho notato che tutte le case che visito hanno i pavimenti relativamente puliti.

L’altro vantaggio non da poco è la sensazione di piacere nel camminare scalzi o con le calze.

In Svezia i pavimenti sono quasi sempre in legno o linoleum quindi sono molto più calde delle piastrelle o marmi presenti nelle case italiane, camminare sul legno caldo e morbido con i piedi scalzi è una sensazione bellissima e rilassante, credetemi!!!

Cosi’ si fa tutto, da guardare la tv, mangiare, fare le faccende domestiche, il tutto relativamente senza ciabatte.

Beh, l’unico posto dove metto le ciabatte è in bagno dopo la doccia….questo solo per evitare di rimanere fulminato quando mi asciugo i capelli!!!

Questo non succede solo nelle case svedesi ma anche nel proprio posto di lavoro.

Un mesetto fa sono stato a trovare un amico che lavora al centro meteorologico svedese presente nella mia cittadina e sono rimasto meravigliato dal vedere la gente lavorare alla propria scrivania e girovagare tra gli uffici scalzi o con delle ciabatte/zoccoli. Appena arrivano in ogni piano ci sono delle stanze adibite per depositare le scarpe e i vari giubbotti poi via a lavorare!

Tra l’altro mi è capitato anche di togliermi le scarpe lo scorso ottobre appena entrato in una biblioteca a Stoccolma!!!

Mi immagino già le domande: e la puzza di piedi???

In realtà per il fatto che l’umidità è decisamente bassa appena togli le scarpe i piedi non sono sudati, quindi credetemi non ho sentito neanche una volta odori sgradevoli. Ma lo noto anche io, il fatto di non sudare mai e di lasciare i piedi respirare aiuta sicuramente a non generare puzze strane.

L’unica cosa negativa sono però le imprecazioni che uno dice quando becca gli spigoli del letto o gli zoccoli di legno che separano le varie stanze…se sbagli a camminare o ad appoggiare i piede ogni volta ti senti come se avessi rotto le dita dei piedi…terribile!

Appena tornerò in Italia spero di continuare questa tradizione nordica anche se sicuramente sentirò mia madre che mi urlerà in continuo: “mettiti le ciabatte!!!”.      AAARRRGGGGHHHH